Intolleranza al lattosio. Una problematica molto frequente da non confondere però con la vera e propria allergia al latte. Scopriamo allora quali sono i sintomi e le cause che possono far comparire questa intolleranza, in alcuni casi temporanea.

Per prima cosa è bene ricordare che tra allergia e intolleranza al lattosio c’è una differenza fondamentale: mentre nel primo caso si tratta di un disturbo in cui è coinvolto il sistema immunitario che risponde ad un determinato allergene alimentare, nel secondo invece la problematica è causata esclusivamente da un enzima che non svolge più la sua funzione al meglio.

Leggi anche: ALLERGIE E INTOLLERANZE ALIMENTARI: NE SOFFRI DAVVERO? (VIDEO)

SINTOMI

I sintomi dell’intolleranza al lattosio più tipici si evidenziano a livello gastrointestinale. Chi soffre di questa problematica accusa difficoltà a digerire latte e latticini e soffre di gonfiore, meteorismo, dolori addominali. Tutti questi problemi sono dovuti al fatto che lo zucchero complesso del latte rimane non scisso nell’intestino e tende a fermentare per opera della flora batterica intestinale.

Altro problema tipico dell’intolleranza al lattosio è la diarrea, situazione dovuta al fatto che lo zucchero indigerito richiama acqua nell’intestino. Da non sottovalutare poi la possibilità di un malassorbimento a livello intestinale di alcuni nutrienti che può portare a lungo andare a sviluppare carenze o perdita di peso.

Altri sintomi collaterali di questa come di altre intolleranze alimentari sono cefalea, eczema o sfoghi cutanei.

I sintomi generalmente compaiono 1-2 ore dopo aver assunto alimenti che contengono lattosio, e dato che si tratta di problemi che possono essere confusi con quelli di altre patologie (ad esempio la sindrome del colon irritabile), è molto importante imparare ad “ascoltare il proprio corpo” associando la comparsa dei sintomi con il consumo di determinati alimenti.

E’ necessario tenere presente che i sintomi variano da persona a persona a seconda anche di quanto seria sia l’intolleranza, ovvero di quanto enzima lattasi sia ancora attivo

CAUSE

L’intolleranza al lattosio è dovuta ad un mal funzionamento o ad una carenza dell’enzima lattasi, una specifica sostanza che nel nostro organismo svolge la funzione di scindere il lattosio (zucchero principale di cui è composto il latte) in glucosio e galattosio, due zuccheri semplici.

Si tratta di un’enzima di fondamentale importanza per l’essere umano nei primi anni ma soprattutto nei primi mesi di vita quando il latte è l’unica fonte di sostentamento e crescita del neonato. Con il passare del tempo, però, nella maggior parte delle persone questo enzima tende a funzionare sempre meno efficacemente ed è così che da adulti può comparire l’intolleranza al lattosio.

COME RICONOSCERLA

In molti casi l’esperienza quotidiana della persona che assume latte e latticini lo porta a capire se questi diano o meno fastidio associando ad esempio la comparsa dei sintomi sopracitati al consumo di questi alimenti. Esiste però anche un test scientifico che permette di confermare i propri sospetti.

Si tratta test del DNA, un tipo di esame assolutamente non invasivo che prevede semplicemente l’analisi del DNA dalla saliva del paziente. Il test valuta una mutazione sul gene della lattasi che ne impedisce il corretto funzionamento. Attualmente il il test più affidabile che si possa eseguire.

CategoryNews
Write a comment:

*

Your email address will not be published.

2016 © Copyright - Laboratorio Biolab - P.IVA: 02083900445 - Privacy Policy | Termini e condizioni | Condizioni di vendita

Contattaci info@laboratoriobiolab.it